Come ti armo il peshmerga

Il Governo italiano ha spedito ai peshmerga curdi una serie di armamenti per combattere gli jihadisti dell’Isis. La cosa curiosa è che in questa partita di armi, che comprendono mitragliatrici di vario tipo, munizioni, treppiedi, attrezzature, figurano anche dei razzi e delle munizioni confiscate nella guerra degli anni 90 in ex Jugoslavia. Armi che dei giudici di Torino avevano ordinato di distruggere e che misteriosamente oggi, nel 2014, spuntano fuori dalla base della Maddalena come un cadeau riciclato.

Il ministro della difesa Pinotti smentisce tutto adducendo la possibilità di utilizzo di quelle armi per fini istituzionali, ma la legge 108 del 2009 ne statuisce l’uso solo successivamente al beneplacito del Ministero della Giustizia via decreto. Chissà quanti e quali altri armamenti vintage avrà il nostro paese “in cantina” alla Maddalena, coperti da segreto di Stato, e a chi li donerà in futuro.

Annunci

Pubblicato da

il Fanfulla

Pagina di attualità politica ispirata al quotidiano fondato nel 1870.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...